Il primo Warntag non si scorda mai

Il primo test per l’allarme nazionale in caso di emergenze in Germania

Giovedì 10 settembre chiunque si trovi in Germania farà un’esperienza acustica senza precedenti. Alle 11 in punto infatti tutti i dispositivi altoparlanti presenti nell’intero Paese emetteranno contemporaneamente un segnale tonale acuto ad alto volume. Il segnale durerà 5 minuti e verrà trasmesso ripetutamente per circa 20 minuti. 

Come mai questa cacofonia programmata? Il prossimo giovedì sarà il primo Warntag della Germania, cioè la prima giornata in cui il Paese testerà contemporaneamente tutti i sistemi di allerta presenti sul territorio. Gli allarmi acustici saranno forse i più difficili da ignorare, ma non saranno i soli: contemporaneamente verranno trasmessi avvisi sui media, per esempio in televisione le trasmissioni saranno interrotte e ci saranno informazioni dedicate anche su Internet, le app sugli smartphone invieranno notifiche di avviso e altri messaggi verranno trasmessi da trasmettitori radio, cartelloni pubblicitari, sirene o anche veicoli con altoparlanti. 

L’esercitazione è gestita dal Bundesamt für Bevölkerungsschutz und Katastrophenhilfe (BBK), cioè l’ufficio federale della protezione civile e dell’assistenza in caso di calamità. 

Lo scopo è creare consapevolezza nella popolazione e preparare a una reazione corretta in caso di una reale necessità. L’eventualità di un’emergenza che coinvolga tutto il Paese nello stesso momento è considerata improbabile. Nonostante questo, un’esercitazione collettiva può essere l’occasione ideale per sensibilizzare tutti, soprattutto perché in condizioni di stress o di panico si tende ad affidarsi a comportamenti familiari già appresi. È anche per questo che il Warntag diventerà una ricorrenza annuale e si terrà sempre il secondo giovedì di settembre. La data è stata scelta anche in base alla riapertura delle scuole per poter raggiungere il maggior numero possibile di persone.

Le emergenze possono derivare da pericoli naturali, condizioni meteorologiche pericolose e incendi, nonché da incidenti negli impianti chimici, interruzioni del traffico su larga scala e interruzioni dell’approvvigionamento, ma anche dalla diffusione di agenti patogeni, radioattività o violenza armata e attacchi terroristici – anche attacchi cibernetici.

In Germania la legge stabilisce chi è incaricato ufficialmente di allertare la popolazione se si presenta la necessità. A seconda della natura del pericolo si tratta di autorità diverse. In caso di eventi importanti, diverse autorità emettono contemporaneamente avvertimenti e informazioni – ad esempio in caso di evacuazione. In ciascuno dei 16 Stati federali sono attivi centri di assistenza per aiutare le città e i distretti rurali in caso di pericoli che non possono affrontare da soli.

Le autorità locali decidono anche quali dispositivi di segnalazione vengono utilizzati. Le sirene sono considerate un affidabile dispositivo di allarme, soprattutto di notte e quando la TV, la radio e il cellulare sono spenti. Ma a Berlino questo non funzionerebbe più. “Le sirene della protezione civile federale sono state smantellate a Berlino all’inizio degli anni Novanta”, dice il Ministero degli Interni del Senato. “Raccomandiamo in particolare le app di avvertimento per tutte le situazioni di pericolo”, continua. Dall’inizio degli anni Novanta, dopo la fine della guerra fredda, circa 40.000 sirene sono state smantellate dal governo federale e oggi la popolazione può essere avvertita a livello nazionale con circa 15.000 sirene. 

Per essere sicuri di essere sempre informati, secondo il BKK l’ideale è scaricare la app NINA: riunisce consigli e informazioni per le emergenze ed è attualmente utilizzata da circa 7,6 milioni di persone. Dall’inizio della pandemia è stata scaricata molto più frequentemente.

In linea di principio, i cittadini non devono fare nulla giovedì. Secondo il BKK la regola generale è: mantenere la calma, informarsi sui media e, se necessario, informare i vicini, amici e conoscenti.

I suoni delle sirene saranno molto forti e potrebbero spaventare gli animali domestici. In alcuni Länder le autorità hanno offerto dei consigli su come comportarsi: sarebbe meglio preparare loro dei nascondigli e stare in loro compagnia per evitare che scappino o abbiano altre reazioni pericolose in preda al panico.

Francesca Vargiu

@GraceVanFruscia

3 pensieri riguardo “Il primo Warntag non si scorda mai”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...