Quattro Großer Zapfenstreich tedeschi

Brevi considerazioni a partire dalla cerimonia militare con cui Angela Merkel si è congedata dalla Germania, e da altre tre volte in cui è stato concesso questo onore

Il Großer Zapfenstreich, la cerimonia militare con cui la sera di giovedì 2 dicembre Angela Merkel si è congedata dalla politica tedesca, è un tributo da protocollo concesso ai Presidenti della Repubblica Federale, ai Ministri della Difesa e anche ai Cancellieri. Merkel è la terza Cancelliera a ricevere l’omaggio, che è il cerimoniale “più alto e più solenne” concesso dalla Bundeswehr, l’esercito tedesco. Prima di lei è stato tributato ai sue due ultimi predecessori, Helmut Kohl e Gerhard Schröder.

Continua a leggere “Quattro Großer Zapfenstreich tedeschi”

Nord Stream 2 e la burocrazia tedesca

Un altro intoppo per il gasdotto della discordia: stavolta a causa di un problema burocratico

In passato avevamo ipotizzato che l’ostruzionismo tedesco contro Nord Stream 2 avrebbe percorso grossomodo due possibili strade: quella degli accordi internazionali e quella della burocrazia interna.

Continua a leggere “Nord Stream 2 e la burocrazia tedesca”

L’emigrazione italiana in Germania: da Gastarbeiter a cittadini europei – Intervista con Alessandro Bellardita

Intervista con Alessandro Bellardita, giudice e docente di diritto in Germania, sull’immigrazione dall’Italia e su come i fenomeni migratori hanno cambiato il quadro del diritto tedesco

Alessandro Bellardita è giudice presso il Tribunale di Karlsruhe e docente di diritto alla Hochschule di Schwetzingen, in Baden-Württemberg.

Continua a leggere “L’emigrazione italiana in Germania: da Gastarbeiter a cittadini europei – Intervista con Alessandro Bellardita”

Pubblica, ma non di Stato. Per la radiotv tedesca 86 centesimi significano tutto.

La vicenda dell’aumento del canone radiotelevisivo tedesco ci aiuta a capire come sia possibile una tv “pubblica” senza troppa politica di mezzo

Per 86 centesimi quasi cadeva un governo. Certo, parliamo pur sempre del governo della Sassonia-Anhalt, quasi un Molise fra i Länder tedeschi (non ce ne vogliano i molisani!), ma quando le questioni sono di principio si sa che spesso anche i piccoli possono essere decisivi. E qui il principio era importante.

Continua a leggere “Pubblica, ma non di Stato. Per la radiotv tedesca 86 centesimi significano tutto.”

Nord Stream 2: una lezione di diritto alla UE dall’Ucraina?

Il recente accordo fra USA e Germania sul nuovo gasdotto non è piaciuto all’Ucraina, che per protestare ha scelto una inaspettata via burocratica

Quasi un anno fa vi avevamo aggiornato sulle difficoltà per la Germania di chiamarsi fuori dall’accordo su Nord Stream 2. Avevamo esplorato vari possibili ostacoli al completamento dell’opera, stimato allora intorno al 94%, concludendo che quasi certamente sarebbero state cause esterne e “di forza maggiore”. Con colpevole omissione, non avevamo preso in considerazione la prospettiva dell’Ucraina. 

Continua a leggere “Nord Stream 2: una lezione di diritto alla UE dall’Ucraina?”

Dopo il fango, che fare?

Alcune regioni della Germania occidentale sono state travolte da piogge torrenziali. Il numero di vittime è spaventoso, l’importo dei danni ancora tutto da quantificare. Un avvenimento come questo ha il potenziale per diventare decisivo per le elezioni federali del prossimo settembre. Ma l’esito è ancora tutto aperto per Armin Laschet e la sua sfidante verde Annalena Baerbock.

Un’ondata di piogge torrenziali ha travolto alcune regioni della Germania occidentale così come altri paesi europei, fra cui i confinanti Belgio, Lussemburgo e Paesi Bassi. Nelle zone tedesche colpite il numero di vittime è spaventoso: almeno 143 i morti sinora accertati, la gran parte nel circondario di Ahrweiler in Renania-Palatinato, una quota non indifferente anche nel confinante Land Nordreno-Vestfalia. L’importo dei danni è ancora tutto da quantificare, le immagini che ci giungono raccontano però di case sventrate e ponti distrutti, rigagnoli divenuti torrenti, torrenti divenuti fiumi e ovunque tanto, tantissimo fango.

Continua a leggere “Dopo il fango, che fare?”

Buon appetito, compagni!

Alcune avvertenze per l’uso di cibi e bevande squisitamente marxisti sopravvissuti alla caduta del regime realsocialista. Perché almeno in cucina la Germania Est è viva e lotta insieme a noi.

Chi ha visto il meraviglioso “Good Bye, Lenin!” (dir. Wolfgang Becker, 2003) senz’altro ricorderà la scena della Coca-Cola.

Continua a leggere “Buon appetito, compagni!”

Sophie Scholl, la ragazza centenaria

Una bella iniziativa per celebrare il centenario della nascita di Sophie Scholl, il volto più conosciuto della “Rosa Bianca”

Una ragazza sui vent’anni è seduta su un treno; è diretta a Monaco di Baviera, dove inizierà a frequentare l’Università alla quale è iscritta.

Continua a leggere “Sophie Scholl, la ragazza centenaria”