La CDU vince in Sassonia-Anhalt

Cosa ci dice la grande vittoria della CDU e di Reiner Haseloff in Sassonia-Anhalt in vista delle elezioni di settembre

Se solo un paio di giorni fa qualcuno avesse detto a Reiner Haseloff, Ministerpräsident CDU della Sassonia-Anhalt uscente e candidato a guidare nuovamente il governo regionale, che il suo partito avrebbe preso il 37%, probabilmente non ci avrebbe creduto.

Continua a leggere “La CDU vince in Sassonia-Anhalt”

Buon appetito, compagni!

Alcune avvertenze per l’uso di cibi e bevande squisitamente marxisti sopravvissuti alla caduta del regime realsocialista. Perché almeno in cucina la Germania Est è viva e lotta insieme a noi.

Chi ha visto il meraviglioso “Good Bye, Lenin!” (dir. Wolfgang Becker, 2003) senz’altro ricorderà la scena della Coca-Cola.

Continua a leggere “Buon appetito, compagni!”

Sophie Scholl, la ragazza centenaria

Una bella iniziativa per celebrare il centenario della nascita di Sophie Scholl, il volto più conosciuto della “Rosa Bianca”

Una ragazza sui vent’anni è seduta su un treno; è diretta a Monaco di Baviera, dove inizierà a frequentare l’Università alla quale è iscritta.

Continua a leggere “Sophie Scholl, la ragazza centenaria”

Verde oscuro – Il problema Boris Palmer

Negli ultimi anni Boris Palmer, Sindaco verde di Tubinga, è diventato sempre più un problema per il suo partito. Un nuovo caso in questi giorni potrebbe portare i Verdi a espellerlo.

I Verdi tedeschi stanno probabilmente vivendo il momento più entusiasmante della loro quarantennale storia. Sono sempre di più i sondaggi che li vedono al primo posto in vista delle elezioni politiche di settembre, la loro candidata alla Cancelleria Annalena Baerbock è molto apprezzata dai tedeschi e la prospettiva di guidare il primo governo post-Merkel è un’ipotesi che acquista concretezza di giorno in giorno.

Continua a leggere “Verde oscuro – Il problema Boris Palmer”

Annalena e gli altri

Come i partiti tedeschi si preparano alla campagna elettorale contro Annalena Baerbock e i Verdi

Da quando hanno annunciato che la loro candidata alla Cancelleria è Annalena Baerbock, co-leader del partito insieme a Robert Habeck, i Grünen stanno volando sulle ali dell’entusiasmo.

Continua a leggere “Annalena e gli altri”

Il filosofo e lo sceicco

Quando un premio letterario, più che un onore, diventa un problema

È possibile che anche uno degli intellettuali più importanti e influenti degli ultimi sessant’anni prenda una decisione affrettata e discutibile, di cui pentirsi e da correggere in tutta fretta? 

Continua a leggere “Il filosofo e lo sceicco”

#PinkyGloves: due maschi tedeschi, mestruazioni e guanti rosa

Due soldati, insieme a un finanziatore, decidono di “risolvere” il “problema femminile” degli assorbenti usati. Cosa potrebbe mai andare storto?

Immaginate di avere le mestruazioni.

Continua a leggere “#PinkyGloves: due maschi tedeschi, mestruazioni e guanti rosa”

Armin, Markus e la Cancelleria

Il duello fra Armin Laschet e Markus Söder per la candidatura alla Cancelleria si fa sempre più teso, ora che siamo davvero vicini al momento della decisione ufficiale

Dopo infinite polemiche e un cantiere durato invece ragionevolissimi quattro anni, nell’estate del 2019 ha aperto i battenti nel pieno centro medievale di Ratisbona (Regensburg) un edificio che, almeno nell’aspetto esterno, ha poco a che fare con quanto lo circonda.

Continua a leggere “Armin, Markus e la Cancelleria”

Poltrone, ambasciatori e sofà

All’origine del #Sofagate ci sarebbe il capo della rappresentanza dell’Unione Europea in Turchia, un tedesco

Una pubblicità ben nota al pubblico italiano esalta da tempo le qualità di poltrone e sofà, giungendo persino a definire “beato” il fortunato che riesca a procurarsene uno o più esemplari.

Continua a leggere “Poltrone, ambasciatori e sofà”

L’odore del Caspio si sente fino a Berlino

Luci ma soprattutto ombre del rapporto fra l’Azerbaigian e la politica tedesca

Torniamo indietro di qualche mese. Il 27 settembre 2020, in un mondo abbondantemente distratto dall’allora incipiente seconda ondata della pandemia da Coronavirus, inizia nella regione caucasica del Nagorno-Karabakh una guerra spietata, che porterà nel giro di un mese e mezzo l’Azerbaigian ad umiliare sul campo la vicina Armenia e riconquistare pressoché la totalità dei territori persi del precedente conflitto nell’area (1988-1994).

Continua a leggere “L’odore del Caspio si sente fino a Berlino”